Search Results for: piantumazione buora

Piantumazione alla Buora!

Comunichiamo che sabato 24 novembre 2012 dalle ore 9,30 alle 13 presso l’Oasi della Buora di Salvaterra (Badia Polesine) si dà inizio alla piantumazione di alberi dell’inverno, organizzata in collaborazione con il Comune di Badia Polesine. L’Oasi si trova sulla Strada che da Lendinara porta a Canda passando per Ramo di Palo. Troverete le bandierte WWF Sulla strada.

Vi invitiamo a portare con voi vanghe, badili e un po’ di cibo e bevande calde per la tradizionale “Gazega” di fine lavori.

Non dimenticate di invitare bambini e ragazzi in quanto l’esperienza è particolarmente educativa, e poichè ci sarà anche il banchetto WWF con cassette nido, bat-box e mangiatoie.

Vi aspettiamo numerosi!

Nuova piantumazione in Valle della Buora

Segnaliamo che il Consorzio di Bonifica Polesine-Adige-Canalbianco di Rovigo ha messo a disposizione del WWF Rovigo una notevole quantità di piante (querce, olmi, rosa canina e altre essenze) che saranno posate sabato 17 dicembre prossimo dalle ore 14 alle 18 all’oasi faunistica Valle della Buora in Salvaterra di Badia Polesine (Rovigo).

L’intervento in oggetto, il quinto dall’ottobre 2009, è finalizzato al ripristino di un’importante area di interesse naturalistico, e permetterà di completare la prima fase di un’azione ambientale che, grazie all’impegno della pubblica amministrazione locale, di associazioni ambientaliste e di privati ha permesso che un paesaggio desertificato dall’uomo ritornasse un luogo ricco di biodiversità a beneficio della natura che vi era presente e della comunità.

Chi desidera contribuire all’intervento dovrebbe portare una vanga o altri utensili utili allo scavo delle buche per la posa delle piante (un centinaio).

Nella suddetta occasione potranno essere liberati alcuni animali selvatici attualmente in cura presso il Centro Recupero Animali Selvatici di Polesella.

Cogliamo l’occasione per ringraziare l’Amministrazione Comunale di Badia Polesine, il Consorzio di Bonifica P.A.C. di Rovigo, Veneto Agricoltura, Natur Protection di Bolzano, le associazioni Legambiente, Lega Italiana Protezione Uccelli, IntercomAmbiente, Consorzio Carpisti Polesani, Venus in Fur e il CRAS di Polesella

Con l’occasione invitiamo, chi ne avesse la possibilità, a rendersi disponibili per allestire un piccolo vivaio (”Arca di Noè vegetale”) presso la propria residenza (con talee o semi da noi forniti) così da disporre di un maggior numero di piante autoctone da utilizzarsi in futuri interventi analoghi!

Piantumazione in Valle della Buora e Cave Danà

Vi segnaliamo che domenica 27 novembre 2011, dalle 10 alle 14, presso le oasi faunistiche ”Valle della buora” in Salvaterra di Badia Polesine e “Cave Danà” in Ceneselli, ubicate in provincia di Rovigo (accudite dal Consorzio Carpisti Polesani), si terranno due interventi di piantumazioni di essenze autoctone in prossimità dei corpi idrici, quali interventi contro la desertificazione del paesaggio, una delle cause principali della scomparsa di  molte specie selvatiche da questo territorio unitamente all’avvelenamento da pesticidi e la pressione venatoria.

Chi desidera partecipare dovrebbe dotarsi di vanga e abbigliamento autunnale. In occasione dei suddetti interventi verranno liberati alcuni animali selvatici (i bambini sono i benvenuti!) curati presso il centro recupero Animali Selvatici di Polesella, istituto veterinario che cura annualmente centinaia di animali con grande competenza del suo personale e notevoli costi.
Cogliamo l’occasione per inviare l’immagine di un Mustiolo (Suncus etruscus), individuato dal sig.Francesco Pezzuolo nel territorio di Trecenta, a breve distanza da dove, alcuni mesi fa, furono osservati due esemplari di Ibis Eremita (Geronticus eremita)

L’esemplare nella fotografia è stato determinato da alcuni tra i più competenti specialisti italiani in micromammiferi.
Il Mustiolo, il più piccolo mammifero d’Europa, è una specie tipicamente mediterranea, si nutre di piccoli insetti che deve catturare continuamente. Per vivere ha bisogno di ambienti privi di veleni, come molti altri animali quali le Rondini, i Pigliamosche e i Pipistreli, che mostrano una notevole riduzione ormai un po’ ovunque. Nel nostro territorio, però, segnaliamo anche la forte riduzione di un altro insettivoro, il Rondone (Apus apus), cui deve aggiungersi la minor disponibilità a spazi nidificatori a causa delle grondaieche vengono collocate attraverso nuove ristrutturazioni edilizie. Nell’attesa di trovare adeguate soluzioni, si consiglia di applicare nidi artificiali per Rondoni rivolgendosi alla Natur Protection di Bolzano, che realizza nidi di buona qualità e dal costo contenuto

Il ritrovamento di questo animaletto al di fuori del Delta del Po, molto lontano dal suo tipico areale riproduttivo, lascia sperare che qualcosa, seppur molto lentamente, stia cambiando, e che la sensibilità di molte persone a non far uso di sostanze velenose in agricoltura cominci a portare buoni frutti nella biodiversità, sopratutto a beneficio di questi delicati ”indicatori ambientali” fortemente a rischio di sopravvivenza.